Tutti i complementi d'arredo per una cucina bella e funzionale

Scritto da:
PromoRE

La cucina ha una duplice, imprescindibile, funzione all’interno di una casa: da una parte c’è il suo lato funzionale, tipico di un complemento deputato alla preparazione di cibi e alla conservazione di questi ultimi in maniera igienica e durevole. Dall’altra, c’è la sua vena estetica, la stessa che deve essere in linea non solo con l’ambiente in cui la cucina è posizionata ma anche con il resto della casa, al fine di creare un ambiente armonioso e, diciamocelo, bello.

Queste due anime convivono nello stesso mobile grazie a un elemento comune: i complementi d’arredo della cucina stessa. Si tratta di un insieme di mobili e pezzi di interior design che non hanno strettamente a che fare con il piano cottura, il lavello e il frigorifero, ma, piuttosto, con elementi di classe e design “accessori” allo spazio in cui si trovano: lampadari, poltroncine, tavoli, portacoltelli e decorazioni di ogni sorta.

Naturalmente, non tutti i complementi d’arredo per la cucina sono uguali: molto dipende dallo stile con cui si è scelto di arredare non solo l’angolo cottura ma anche l’intera casa. Eppure, possiamo elencarne e analizzarne i principali in una classifica che potremmo definire “mai più senza”: con questi complementi d’arredo per la cucina, infatti, sarai in grado non solo di facilitarti il lavoro tra i fornelli, ma anche di fare bella figura con amici e parenti che ospiterai, a pranzo o a cena.

Portabottiglie e cantinette

Iniziamo da una delle passioni di noi italiani: il buon vino. A quella che gli antichi definivano una prelibatezza per gli dei oggi vengono dedicati appositi complementi atti non solo a contenere ma anche a esporre le bottiglie che lo contengono. Da semplice stelo in cui infilare i colli fino ai più elaborati supporti più simili a biblioteche, i portabottiglie rendono il contenitore del vino parte integrante dell’arredamento stesso: con il loro utilizzo, poi, non sarà difficile reperire quel che serve e, all’occorrenza, aprire “un bianco” o “un rosso”.

Le cantinette, invece, hanno sofisticati sistemi che permettono al vino di rimanere a temperature consone, senza che né il freddo né il caldo possa rovinare il prelibato nettare a base d’uva. Sul mercato ne esistono moltissime e nei più disparati materiali: alcune di loro sono a incasso, per permette un utilizzo discreto di queste ultime, altre invece fanno fieramente bella mostra di sé su pianali e ripiani della cucina.

Stai iniziando ad arredare casa tua? Non dimenticarti nemmeno un passaggio!  Scarica la nostra checklist e segui la procedura guidata.

Tavolo o carrello bar

Un’altra moda molto in voga nelle cucine moderne è quella di adibire una parte dello spazio a bar, in modo da “staccare” il living e dividerlo tra soggiorno e cucina. A questo scopo possono essere assai utili i tavoli da bar: veri e propri banconi che si allungano dal pianale centrale della cucina, possono essere reclinabili (per potere godere di maggiore spazio) o fissi. L’unica costante è che questi siano posizionati più in alto rispetto al normale tavolo da pranzo, in modo da risultare più simili al banco di un saloon che non a una tavola imbandita per il pranzo della domenica.

Per chi, invece, non si può permettere il bancone del bar a causa di spazi ridotti, c’è l’opzione del carrello, un tavolino semovente grazie all’aggiunta di rotelle. Su di lui è possibile riporre e trasportare i bicchieri e i piatti per l’aperitivo da servire agli ospiti accomodati in sala, oppure il dolce da consumare all’aperto.

Sedie e poltroncine

Immancabili, si si parla del bar, sono poi le sedie e le poltroncine. Per quanto, infatti, si tratti di una zona della casa poco avvezza a vedere questo tipo di sedute, sedie e poltroncine restituiscono tuttavia alla cucina quel sapore conviviale che negli ultimi anni sta interessando sempre di più i costumi domestici. Grazie al loro utilizzo, infatti, sarà possibile sostare in compagnia in prossimità dei fornelli, per cucinare tutti insieme, bere un bicchiere di vino prima di iniziare a cenare o rilassarsi a fine pasto.

Portacoltelli

Grande classico senza tempi, il portacoltelli arriva dritto dalle cucine delle nonne e si evolve in quelle moderne con forme e materiali nuovi. Chi ama il vintage e lo stile country può infatti optare per il classico ceppo di legno, lo stesso che preserva le lame rendendo utilizzabili i coltelli solo dalla parte del manico. Chi, invece, ama le linee più moderne può optare per una soluzione a parete, in cui le lame sono a vista e non protette ma sorrette da una lastra magnetica ad alta resistenza.

checklist arredamento